Sommario Post

Per non farvi impazzire e darvi idee su quali articoli leggere, ho fatto una cosa che mi ha richiesto una pazienza che nemmeno Penelope mentre aspettava Ulisse… Spero apprezzerete 🙂

I post vanno dal più recente al più vecchio.

Clicca sulla foto per leggere il contenuto dell’articolo.

Grafic Novel∴

lucenera

Il tempo scorre nella Contea di Nottinghamshire, le stagioni si inseguono, anche quelle della vita. Con la morte della Contessa, Clara eredita l’intera tenuta e la sorella, contrariata, il patrimonio in denaro. Le sorelle si separano.
Clara abbandona gli abiti signorili per indossare quelli da lavoro, decisa a risollevare le sorti della tenuta che cade in un drammatico declino. Nonostante i sacrifici è costretta a vendere, congedare la servitù, e abbandonare dolorosamente la tenuta e il clavicembalo, sua grande passione. Cambia nome e si fa serva presso un’importante famiglia di nobili; lavora sodo, ha bisogno di denaro per poter tornare di nuovo a Flintham Hall, un giorno.
Quel giorno arriva, Clara torna e nel mucchio di lettere accumulate nel tempo, scorge una lettera della Royal Academy of Music di Londra. Un messaggio che Clara non sperava più di ricevere ora è tra le sue mani.
Lo sguardo di Clara, ora, va oltre il cancello della tenuta.

anne Frank

Un evento internazionale. Il primo graphic novel tratto dal libro che ha fatto conoscere la tragedia dell’Olocausto a milioni di ragazzi.

il suono del mondo a memoria

Sam sta scrivendo un articolo. Una cosa complessa, che comporta che lui vada a vivere per due mesi a Manhattan e non parli assolutamente con nessuno. Ce la farà? In un certo senso sì, ma con le cose che Sam non ha previsto ci si potrebbe scrivere un libro. Giacomo Bevilacqua l’ha fatto, e l’ha disegnato, e poi l’ha colorato così magnificamente da restituire la luce di New York in modo magnifico e quasi commovente. Meno saprete di questo libro fino al momento di immergervi nella lettura, più ve ne innamorerete. E poi direte questa stessa cosa alle persone cui lo regalerete. Fidatevi.

i guardiani del louvre

 Il maestro del fumetto giapponese esplora il tempio occidentale della cultura. Un percorso tra sogno e storia che abbraccia la pazzia di Van Gogh e quella della seconda guerra mondiale. Un viaggio nella memoria per far pace con i fantasmi del passato e i nostri demoni personali. Per scoprire che, nel bene e nel male, c’è sempre qualcuno che veglia su di noi.

elegia in rosso

 Ichiro lavora nel cinema d’animazione, ma è insoddisfatto. Sachiko, la sua ragazza, è coinvolta nei movimenti di protesta e soffre le discriminazioni di una società maschilista. Il loro sogno è un sereno rapporto di coppia: ma la loro realtà quotidiana è fatta di noia, senso di oppressione e incapacità di comunicare. Apparso a puntate sulla rivista giapponese “Garo” tra il 1970 e il 1971, al termine di un decennio segnato da profonde trasformazioni politiche e culturali, “Elegia in rosso” racconta il disagio di due rivoluzionari mancati. Un romanzo disegnato ispirato alle controculture e alla nouvelle vague francese, una storia ancora oggi attualissima, una pietra miliare che ha aperto la via a nuovi modi di intendere il fumetto.

leonid

 Leonid vive in campagna, dove si alternano case e campi, e i gatti selvaggi e delle fattorie convivono con i gatti domestici. Leonid non è più un cucciolo, ma nemmeno un gatto adulto. Avrebbe una confortevole cuccia e una vita ideale, ma qualcosa turba l’oasi di pace, quando alla fattoria in fondo alla strada degli agnellini fanno una brutta fine. Fino a quando il colpevole non sarà trovato, l’anziano fattore decide di liberare i cani. E questo significa che nessun gatto è più al sicuro…

la memoria dell'acqua

Nell’isoletta dove si è appena trasferita con la mamma, Marion può dare sfogo a tutta la sua curiosità esplorando ambienti per lei del tutto nuovi. Ma cosa sono quelle strane rocce scolpite? E l’inquietante guardiano del faro? Che c’entrino qualcosa le vecchie leggende locali?

Storie di un'attesa

 Tre storie distanti nel tempo. Un principe palermitano decide nell’Ottocento di partire per la Terrasanta, ma è molto più importante la preparazione del viaggio stesso. Due persone si sfidano, all’inizio del secolo scorso, in una partita a scacchi per corrispondenza, ma nel tempo scoprono come l’esistenza abbia scavato un abisso fra di loro. Un ragazzo, negli anni Novanta, si ritrova ad aspettare la ragazza con cui si è dato appuntamento, solo con i suoi pensieri. A legare le vicende l’aspettare con pazienza il tempo che scorre e i cambiamenti che ne vengono, per riscoprire, in un’epoca di frenesia, il valore dell’attesa.

il blu è un colore caldo

Il primo sguardo tra due persone destinate a innamorarsi può essere un evento sconvolgente: una scossa destinata a far tremare le fondamenta di una vita banale, un’esplosione di colore che ravviva un mondo altrimenti grigio. È quello che accade a Clémentine 15 anni, in un pomeriggio qualsiasi, quando una macchia di colore si fa strada verso di lei tra la folla: una testa dai capelli tinti di blu, un paio d’occhi dello stesso colore che per i mesi a venire invaderanno, notte dopo notte, ogni suo sogno. Eppure, la storia di Clementine non è solo una storia d’amore. È una storia di vergogna, di negazione, di rabbia, di insicurezza: perché il nome della sua ossessione è Emma, e in un mondo intriso di pregiudizi vivere la propria omosessualità alla luce del sole può provocare fratture emotive insanabili, e deviare per sempre il corso di un’esistenza.

∴Albi illustrati∴ 

come si fa un libro

Come si fa un libro? Per capire il mondo i bambini osservano, si interrogano e fanno nuove domande a partire dalle risposte che ottengono. Per questo l’autrice ha deciso di ripercorrere il filo delle loro domande dal prodotto finito (l’oggetto libro) all’origine.

i rspiro del vento

Arriva e fugge via all’improvviso, è in grado di mutare il tempo, di diffondere i profumi, di spostare le nubi e di giocare con il sole: è il vento, e In questo libro Alfredo Stoppa ce lo racconta come se fosse una persona, un amico che magari ci prende anche un po’ in giro, una presenza che ci accompagna lungo tutte le stagioni e talvolta è capace di pilotare i nostri umori. La vita del vento, infatti, è un po’ come la nostra.
Una parabola poetica e metaforica sullo scorrere della nostra vita.
Temi: fugacità delle stagioni, imprevedibilità della vita.

le case

Giacomo abita nel centro storico. Dalle sue finestre puoi vedere tutta la città. Le piccole camere dell’appartamento di Matteo s’affacciano invece su di un cortile di periferia e in casa sono in undici. La casa di Simone nasconde un segreto mentre quella di Lorena sembra un museo. Il piccolo Sindel non fa che ripetere “casa mia”, ma la sua è una baracca di latta, là dove la città neppure si chiama più città. La casa di Giulia è una casa della misura giusta, e Giulia non vuole mai uscire. Poi c’è la seconda casa di Lillo, che è fatta di mare e di tuffi. Ottavio, invece, si tuffa dentro i film: abita sopra un cinema. La casa di Marco è un albergo, c’è sempre tanta gente che viene e che va. La casa di Mimmo sa di cavolo lesso e di musica e quella di Claudia è piena di pennelli e matite colorate. Undici piccole storie domestiche che ci conducono nei luoghi dell’infanzia e dell’immaginazione.

le scatole di felicità

Lola, come regalo, ha voluto due scatole, una grande e una piccola. Le ha chiamate le sue scatole di felicità, quella piccola per le piccole felicità e quella grande per le grandi felicità! «Che stupidaggine» dice suo fratello Teo. Prima di dormire Lola inizia a riordinare le felicità: il vecchio orsetto Alfonso, piccola o grande felicità? Grande! La collezione di conchiglie? Piena di piccole felicità. La cartolina con la scimmia del suo amico Simone? Certamente una grande felicità! Il giorno dopo ecco che Luca e la sua banda di bulletti iniziano a prenderla in giro: «Ehi Lola, tuo fratello ci ha detto tutto delle tue stupide scatole!». Lola ce l’ha con Teo, il traditore, e non lo perdonerà fino a quando…

la grande fabbrica

C’è un paese dove le persone parlano poco. In questo strano paese, per poter pronunciare le parole bisogna comprarle e inghiottirle. Le parole più importanti, però, costano molto e non tutti possono permettersele.

yeti

 Una ragazza ha una grande passione per lo yeti, ne è affascinata e anche un po’ lo teme. Decide allora di partire e di andare a cercarlo. Un omaggio al desiderio come motore della vita. Le illustrazioni a tutta pagina di Rébecca Dautremer rendono visibile l’indicibile.

gli amanti farfalla

 Una ragazza coraggiosa, la passione per le lettere e la poesia, un’amicizia travolgente e, sullo sfondo, l’antico Giappone. Le illustrazioni di Benjamin Lacombe, dalle prospettive originali e dai vibranti colori, restituiscono tutta l’emozione di una storia di amore e libertà.

madame butterfly

 “Oh, Butterfly! Non si dice forse che sfiorando le ali di una farfalla la si condanna a morte?” Ispirata alla celebre opera di Puccini, una nuova versione della storia della giovane geisha, delicata come una farfalla, narrata da un Pinkerton divorato dal rimorso di aver sedotto solo per capriccio la fanciulla. Un libro d’artista con grandi tavole a olio che ci portano in un Giappone dalla bellezza antica e misteriosa. Un libro oggetto con un’illustrazione lunga dieci metri, dove la giovane è ritratta tra fiori e uccelli esotici in una danza seducente e leggiadra.

la bella e la bestia - manuela adreani

 La romantica e impossibile storia d’amore fra la bella e la bestia, che ha fatto sognare generazioni di lettori è valorizzata dalle illustrazioni di Manuela Adreani.

L_abbraccio

 Un breve, folgorante apologo sulla solitudine e sull’amore, scritto da uno dei più amati autori della grande letteratura contemporanea, e illustrato con i disegni di un’artista nota in campo internazionale, che ha esposto anche al Madre di Napoli e di cui è in allestimento una personale al Jeu de Paume di Parigi. Piccolo libro, elegante e raffinato, “L’abbraccio” è quasi un dono di David Grossman ai suoi lettori, perché ne facciano a loro volta dono alle persone che amano.

ondine

Nata in un palazzo di cristallo in fondo al mare, Ondine è una bellissima ninfa che si innamora del nobile cavaliere Hans di Ringstetten. Riadattando la novella dello scrittore bretone Friedrich La Motte-Fouqué che per primo nel 1811 aveva tradotto in francese il mito tedesco, Benjamin Lacombe firma testo e illustrazioni di una favola dove amore e morte, fascino e paura, fantastico e bellezza si intrecciano continuamente. Mondi onirici, surreali e impalpabili sono interpretati da Lacombe con delicate tonalità preraffaellite, mentre rarefatti disegni su pagine trasparenti evocano l’evanescente mondo acquatico delle ninfe.

∴Narrativa Italiana∴

olga

È inverno a Balicò, il villaggio è ammantato di neve, si avvicina Natale. Gli abitanti affrontano il gelo che attanaglia la valle e Olga li riscalda con le sue storie. Ne ha in serbo una nuova, che nasce dal vuoto improvviso lasciato dal bosco che è stato abbattuto, e quel vuoto le fa tornare in mente qualcuno. Anche Valdo, il suo cane fidato, se lo ricorda, perché quando conosci Jum fatto di Buio non lo dimentichi più: un essere informe e molliccio. La sua voce è l’eco di un pozzo che porta con sé parole crudeli, e tutto il suo essere è fatto del buio e del vuoto che abbiamo dentro quando perdiamo qualcuno o qualcosa che ci è caro. Jum si porta dietro tante storie che Olga racconta a chi ne ha bisogno, come dono, perché le storie consolano, alleviano, salvano dal dolore della vita e soprattutto fanno ridere. Età di lettura: da 10 anni.

 ∴Narrativa Giapponese∴ 

il maestro di go

Nello scenario seducente di un albergo giapponese di campagna, con un cerimoniale quasi liturgico, il maestro Shusai, l’eroe fino ad allora imbattuto, conduce la sua ultima, epica sfida: una partita di go che durerà sei lunghi mesi e che rimarrà celebre negli annali di quest’arte. La posta in gioco è ben più importante di un premio. La vittoria determinerà la fine di tutto un mondo: il go come esperienza estetica, il rispetto per gli anziani maestri e per l’avversario, la silenziosa concentrazione che fa di quest’arte una via di saggezza. Romanzo di straordinaria tensione a volte quasi insostenibile, “Il maestro di Go” trasforma, pagina dopo pagina, le mosse dei due contendenti in un gioco di vita e di morte: uno solo potrà uscirne vivo. Con uno scritto di Raffaele Rinaldi.

sanshiro

Opera della piena maturità artistica, Sanshiro-, del 1908, è ancor oggi uno dei romanzi più letti in Giappone. In esso rivive l’atmosfera degli ambienti universitari e della To-kyo- di inizio secolo, dove Oriente e Occidente si fronteggiano, colta attraverso le esperienze di uno studente appena arrivato dalla provincia. Nel contrasto fra la giovinezza del protagonista, il suo entusiasmo per un futuro incerto ma eccitante e pieno di promesse, e la solitudine, malinconica e priva di illusioni, del più anziano professor Hirota, si enuclea uno dei temi fondamentali delle opere di So-seki: l’isolamento dell’uomo moderno e la sua incapacità di trovare un significato alla propria esistenza.

occhi nella notte

 L’appassionato rapporto, dapprima solo carnale, poi anche sentimentale, tra una giovane giapponese Kim e un’americano di colore. Un libro intriso di umori, profumi e sapori che si intrecciano in immagini rapide come spot, ai ritmi che accompagnano la quotidianità dei giovani giapponesi americanizzati.

io sono un gatto

Il Novecento è appena iniziato in Giappone, e l’era Meiji sta per concludersi dopo aver realizzato il suo compito: restituire onore e grandezza al paese facendone una nazione moderna. Il potere feudale dei daimyo è un pallido ricordo del passato, così come i giorni della rivolta dei samurai a Satsuma, e l’esercito nipponico contende vittoriosamente alla Russia il dominio nel Continente asiatico. Per Nero, il gatto di un vetturino che spadroneggia nel quartiere in cui si svolge questo romanzo, i frutti dell’epoca moderna non sono per niente malvagi: ha un pelo lucido e un’aria spavalda impensabili fino a qualche tempo fa per un felino di così umile condizione. Per il protagonista di queste pagine, invece, un gatto dal pelo giallo e grigio, che i suoi simili sbeffeggiano chiamandolo “Senza nome”, le cose non stanno così: dinanzi ai suoi occhi si dispiega tutta l’oscura follia che aleggia in Giappone all’alba del XX secolo. Il nostro eroe vive a casa di un professore che si atteggia a grande studioso e che, quando torna a casa, si chiude nello studio. Di tanto in tanto il gatto va a sbirciarlo e puntualmente lo vede dormire. Certo, il luminare a volte non dorme, e allora si cimenta in bizzarre imprese. Compone haiku, scrive prosa inglese infarcita di errori, si esercita maldestramente nel tiro con l’arco, recita canti no nel gabinetto, spettegola della vita dissoluta di libertini e debosciati… Insomma, mostra a quale grado di insensatezza può giungere il genere umano in epoca moderna…

 

 ∴Narrativa SUL Giappone∴ 

memorie di una geisha

 Circondate da un’aura di mistero, le geishe hanno sempre esercitato sugli occidentali un’attrazione quasi irresistibile. Ma chi sono in realtà queste donne? A tutte le domande che queste figure leggendarie suscitano, Arthur Golden ha risposto con un romanzo, profondamente documentato, che conserva tutta l’immediatezza e l’emozione di una storia vera. Che cosa significa essere una geisha lo apprendiamo così dalla voce di Sayuri che ci racconta la sua storia: l’infanzia, il rapimento, l’addestramento, la disciplina – tutte le vicende che, sullo sfondo del Giappone del ‘900, l’hanno condotta a diventare la geisha più famosa e ricercata. Un romanzo avvincente e toccante, coronato da uno straordinario ritratto femminile e dalla sua voce indimenticabile.

∴Narrativa Inglese∴

BUONA VITA A TUTTI di J.K. ROWLING

Quando J.K. Rowling è stata invitata a tenere il discorso per la cerimonia di laurea di Harvard, ha deciso di parlare di due temi che le stanno molto a cuore: i benefici del fallimento e l’importanza dell’immaginazione. Avere il coraggio di fallire, ha detto, è fondamentale per una buona vita, proprio come ogni altro traguardo considerato di successo. Immaginare se stessi al posto degli altri, soprattutto dei meno fortunati, è una capacità unica dell’essere umano e va coltivata a ogni costo.
Raccontando la propria esperienza e ponendo domande provocatorie, J.K. Rowling spiega cosa significa per lei vivere una ‘buona vita’. Un piccolo libro pieno di saggezza, umanità e senso dell’umorismo, ricco di ispirazione per chiunque si trovi a un punto di svolta della sua esistenza. Per imparare a osare e ad aprirsi alle opportunità della vita.
«Come un racconto, così è la vita: non importa che sia lunga, ma che sia buona».
Seneca

 ∴Yugen∴ 

IMG_20170618_120912_357

Il gatto e il Tao. Pensieri grandi in un libro piccolo.
Video Book con la lettura dell’introduzione del libro.

776693ab95e89345239905dff6465dea

 Chi pensa che i libri non servano a niente è un Babbano! Ovvero, i libri che hanno cambiato il mio modo di vedere le cose.
…la lettura ci regala un’esperienza unica, paragonabile, forse, alle prime scoperte di un neonato che non conosce il mondo e lo assaggia, lo tocca e non ha paura di farlo…

4426288835_9f97bf01fc_z

Geisha, chi sono e quali libri le hanno rese note all’occidente?
Chi è la geisha? Perché pensando a lei si immagina un mondo fatto principalmente di eros? Cosa rappresenta davvero questa icona della tradizione nipponica, e come è giusto percepirla in un occidente che troppo facilmente dà credito a ciò che gli viene spacciato per vero, senza preoccuparsi di approfondire l’argomento?

In questa pagina, per la sezione LIBRI SU LIBRI, è riportata la quarta di copertina e le foto originali dei libri; tutto per rendere la ricerca più immediata possibile.


Pagina in costante aggiornamento.